in

Green Throttle è stata acquisita da Google.

Google ha acquisito recentemente Green  Throttle, una startup il cui scopo è quello di trasformare tutti i dispositivi Android in consolle per i video giochi.

Green Throttle

green-throttle-games

Presentata  nel novembre del 2012 , Green  Throttle è stata fondata dai creatori  della fortunata serie di Guitar Hero Charles Huang e Matt Crowley e Karl Townsend, due ex-dipendenti di vecchia data di Palm società pioniera nel campo dei palmari, che hanno lavorato al leggendario Palm Pilot.

Il piano di Green Throttle era quello di creare un controller Bluetooth, associandolo ad un app chiamata Android Arena, e un SDK che permettesse agli sviluppatori di giochi di adattare rapidamente i loro titoli  con la compatibilità del controller. Gli utenti avrebbero dovuto semplicemente collegare il proprio dispositivo al televisore tramite un cavo MHL, lanciare uno dei giochi compatibili, prendere il controller e giocare. L’idea era semplice, ma  audace:  la sostituzione  delle console dedicate ingombranti (e costose) con dei device (di fascia alta preferibilmente) che tutti noi portiamo in giro durante il giorno sarà di sicuro un successo globale.

Tuttavia, l’equilibrio cambiò a novembre 2013 , quando annunciarono il ritiro del’applicazione dal Play Store e l’interruzione del supporto per il controller.  Sembra che il motivo fosse dovuto ad un acquisto da parte di Google.

Per il momento non si sa ancora molto dell’accordo. Quello che è certo è che due dei tre fondatori di Green Throttle Games, Matt Crowley e Karl Townsend, sono passati a lavorare per Google, mentre il terzo fondatore, Charles Huang, rimarrà alla guida dell’azienda o di quello che ne rimane.

Il Wall Street Journal ha riportato  la notizia in passato che Google stesse preparando un dispositivo con Android a bordo con lo scopo di essere  messo al centro del salotto  per la gestione del comparto video ludico di  più dispositivi Android , mentre secondo altre fonti, Google potrebbe lanciare questa consolle  già nella prima parte dell’anno con il marchio Nexus.

Il Gaming sui dispositivi Android è già stato un argomento di grande interesse nel corso dell’anno scorso, con aziende come Ouya , Nvidia , Moga , o Mad Catz.  Però fare i soldi con hardware gaming oriented Android non è così semplice come può sembrare anche se  come ci  dimostra Ouya con il  recente cambiamento di strategia. Convincere i clienti ad acquistare le console Android non è un compito banale. Google, con le sue enormi risorse, un forte sostegno dei media, e la capacità di vendere hardware a basso costo, potrebbe cambiare tutto molto presto. Tutto questo avviene mentre si attendono gli sviluppi sulle voci, come aveva riportato The Verge alla fine dell’anno scorso, sul rilascio di una “Nexus TV” o comunque di un dispositivo basato su Android per il salotto di casa.

Android 4.4.2: arrivato l’aggiornamento per il Galaxy S4

Samsung Gear Fit potrebbe essere compatibile con tutti i device Android